Sammichele di Bari è il nuovo “Borgo più bello d’Italia”

Cresce il palmarès legato ai Borghi più belli D’Italia, che vede come ultimo ingresso anche la città di Sammichele di Bari, il paese famoso per le sue specialità gastronomiche, tra cui spicca su tutti la “Zampina”, ottiene un riconoscimento importante che di certo riuscirà a valorizzarla in termini di visibilità e di prestigio.

Alberobello, Alberona, Bovino, Cisternino, Locorotondo, Maruggio, Monte Sant’Angelo, Otranto, Pietradimontecorvino, Presicce, Roseto Valforte, Specchia, Vico del Gargano queste le tredici località pugliesi che già vantano il riconoscimento di “Borghi più belli d’Italia” e da quest’anno anche Sammichele di Bari ne farà parte. Con le ultime quattordici nomination raggiungono quota 348 le città che, avendo superato l’iter di certificazioni che conta 72 parametri, ad oggi hanno guadagnato il titolo. L’associazione de “I Borghi più belli d’Italia” nasce nel marzo del 2001 per volontà della Consulta del Turismo dell’Associazione Nazionale dei Comuni italiani (ANCI). L’obietto di questa iniziativa è quello di valorizzare il grande patrimonio di storia, cultura, ambiente e tradizioni presente nei piccoli centri italiani, che sono, per la gran parte, emarginati dai flussi dei visitatori e dei turisti. Tutelare, preservare e conservare monumenti e memorie al fine di farli conoscere e far rivivere in chi li visita la loro tipicità.

Entrare a far parte dei Borghi più belli d’Italia permette a questi comuni di usufruire della importante macchina promozionale dell’associazione che li aiuterà, sicuramente, a migliorare la loro visibilità nel mercato turistico nazionale e internazionale. Questo dovrà entrare in sinergia anche con le amministrazioni comunali che dovranno impegnarsi a migliorare le condizioni di vita all’interno del Borgo e il sistema di accoglienza e ospitalità per turisti e visitatori.

Sammichele di Bari è uno scrigno incastonato sull’Altopiano delle Murge con una popolazione che raggiunge i sei mila abitanti, un luogo che trasuda di storia e di tradizioni enogastronomiche, che da tempo allietano gli abitanti e i suoi visitatori.

Sammichele di Bari è nota anche per un’altra tradizione, quella del Carnevale, contraddistinto dai “festini”, che inizia il 17 gennaio e si conclude il martedì grasso di ogni mese. La città fa parte dell’Associazione italiana Carnevali e nel 2022 ha ottenuto il riconoscimento di Carnevale Storico d’Italia. Punto di forza della città, in aggiunta alla bellezza artistica del suo centro storico, è la sua enogastronomia, dalla zampina alla “Fecazze a livre”, prodotto da forno che da poco ha ottenuto il riconoscimento di Presìdio Slow Food. Nel periodo estivo il centro storico di Sammichele di Bari diventa il cuore e l’anima di un sistema comunitario che si lega attorno al suo prodotto principe la Zampina e le numerose bracerie che popolano il centro ne sono la testimonianza più tangibile. Le bracerie non sono semplici locali ma racchiudono quasi sempre generazioni di persone che si tramandano una storia fatta di passione e di amore per il proprio lavoro, una fra queste è La Tradizione”, la braceria della famiglia Milano in cui è possibile scegliere la carne desiderata direttamente dal banco collocato all’ingresso , che, con l’arrivo dei figli di Franco Milano Lorenzo e Angelica, hanno saputo reinventarsi senza perdere la loro tipicità, rimanendo fedeli alla tradizione stessa.

 

Gallery

ADV

Leggi anche: